Secondo live workshop con gli stakeholder di Rimini

Il secondo workshop del processo partecipativo con gli stakeholder del caso studio di Rimini si è tenuto in presenza giovedì 27 gennaio 2022. Il workshop è stato organizzato e condotto da Flaminia Squitieri (WUR) col supporto della Prof.ssa Elena Toth (UNIBO) e dell’Ing. Mattia Neri (UNIBO). Il workshop si è svolto presso gli spazi del Laboratorio Aperto Rimini Tiberio, grazie alla gentile ospitalità di Anna Montini (Assessore alla Transizione Ecologica, Blue Economy e Statistica del comune di Rimini).

Nel corso del workshop si è svolto il gioco serio “SIMTWIST: IL GIOCO. Scenari e proposte per il futuro per garantire l’approvvigionamento idrico a Rimini”. Il gioco era stato inizialmente progettato per il caso studio di Benidorm da Joanne Craven, consulente professionale specializzata nello sviluppo di questa tipologia di strumenti e formatasi al prestigioso UNESCO-IHE Delft Institute for Water Education. Il gioco, adattato al caso studio riminese da Flaminia Squitieri, ha lo scopo di esplorare le diverse misure possibili per affrontare uno scenario futuro di scarsità idrica, in cui la solidità del sistema idrico è messa a rischio. Si ipotizza che i fattori che possano portare in crisi il sistema siano molteplici, come il cambio climatico, l’incremento della variabilità delle precipitazioni, minore disponibilità idrica e incremento della domanda idrica del settore turistico. Gli stakeholder hanno discusso al riguardo e valutato i possibili benefici, svantaggi, ostacoli e requisiti per l’implementazione di diverse misure atte a fronteggiare tale scenario.

L’obiettivo finale era quello di formulare una strategia condivisa da tutti gli stakeholder per garantire la robustezza del sistema idrico. Tutti gli stakeholder presenti hanno partecipato al gioco insieme, allo stesso tavolo. Tema centrale della discussione è stata la necessita di individuare e di sostenere con continuità progetti collaborativi fra le parti. La strategia finale proposta include una combinazione di misure:

  • Messa a punto e implementazione di progetti mirati (ad esempio, l’installazione di erogatori di acqua in strutture alberghiere e stabilimenti balneari con distribuzione borracce)
  • Definizione di una visione integrata del territorio con obiettivo comune da raggiungere tramite la co-partecipazione degli stakeholder a livello comunale e regionale
  • Adozione di buone pratiche di risparmio idrico nelle strutture turistiche
  • Implementare infrastrutture (serbatoi e cisterne di grandi dimensioni, invasi) per aumentare i volumi di acqua stoccata
  • Adozione di strumenti economici come l’incremento delle tariffe e la promozione di nuovi investimenti
  • Definizione e attuazione di una strategia di comunicazione da adottare per l’educazione del cittadino/utente

Al workshop hanno partecipato:

– Tonino Bernabè (Romagna Acque)

– Marco Martelli (Romagna Acque)

– Maurizia Brunetti (HERA)

– Emanuele Galloni (HERA)

– Antonio Bortolotti (HERA)

– Anna Montini (Comune di Rimini)

– Alessandro La Lampa (AIA)

– Mauro Vanni (Cooperativa Bagnini Rimini Sud)

– Andrea Albini (Cooperativa Bagnini Rimini Sud)

Elena Toth, Mattia Neri, e Irene Ciccone dell’Università di Bologna hanno partecipato al workshop da remoto. Giuseppe Selvaggiuolo, che lavora al Laboratorio Aperto Tiberio, ha fornito il supporto logistico e ha partecipato al workshop come spettatore. ATERSIR e il Servizio Turismo, Commercio e Sport – Regione Emilia-Romagna non hanno potuto partecipare.

Il workshop è stato un successo! Lo strumento innovativo utilizzato, il gioco serio, ha facilitato la condivisione delle conoscenze reciproche fra gli stakeholder e il processo di apprendimento sociale, favorendo la nascita di nuove idee. Si sono instaurate interessanti discussioni fra i partecipanti che hanno portato a condividere diverse esperienze, nozioni e significanti informazioni. Gli stakeholder sono rimasti soddisfatti del gioco e più in generale dell’esperienza, riconoscendo come le scelte finali, in parte inaspettate, sono state il frutto dell’effettivo lavoro di squadra e dell’attivo scambio di idee. Hanno anche evidenziato come occasioni come questa, dove si ha l’opportunità di discutere di diverse tematiche tutti assieme allo stesso tavolo, siano importantissime.

Si ringraziano tutti i partecipanti per aver dato il proprio contributo con entusiasmo!

Flaminia Squitieri del team SIMTWIST e gli stakeholder di Rimini al workshop
SIMTWIST: IL GIOCO. Scenari e proposte per il futuro per garantire l’approvigionamento idrico a Rimini
SIMTWIST: IL GIOCO. Scenari e proposte per il futuro per garantire l’approvigionamento idrico a Rimini
Gli stakeholder mentre valutano i possibili benefici, svantaggi, ostacoli e requisiti per l’implementazione delle diverse misure
Gli stakeholder mentre valutano i possibili benefici, svantaggi, ostacoli e requisiti per l’implementazione delle diverse misure
Gli stakeholder mentre discutono diverse opzioni per affrontare le future criticità che potrebbero minare alla robustezza del sistema idrico riminese

 

Secondo progress meeting annuale del progetto SIMTWIST ad Alicante

Il 25 e 26 ottobre 2021 i membri del progetto europeo SIMTWIST si sono riuniti in presenza per il secondo progress meeting annuale ad Alicante, al quale hanno partecipato anche i gruppi di ricerca dell’Università di Bologna e dell’Università di Wageningen. Lunedì 25 ottobre i partecipanti si sono riuniti presso l’Istituto Interuniversitario di Geografia dell’Università di Alicante e hanno presentato i progressi ottenuti per i rispettivi WP. Si è inoltre discusso delle future attività, degli obbiettivi da completare e dei risultati finali attesi. Martedì 26 ottobre l’Università di Alicante ha organizzato un’escursione sul campo per visitare alcune delle strutture e dei luoghi che compongono il complesso sistema di approvvigionamento idrico della Marina Baja, nello specifico le dighe di Amadorio e Gudalest, le Sorgenti dell’Algar e la città di Benidorm. Il meeting è stato produttivo e istruttivo per tutti i gruppi di ricerca.

Rubén Villar (Università di Alicante) presenta lo stato di avanzamento del WP 4 (Ciclo Idrosociale).

 

Il team del progetto SIMTWIST presso l’Università di Alicante.

 

Il team del progetto SIMTWIST nella città studio di Benidorm.

 

Vista della città di Benidorm.

 

Riserva di Guadalest.

Secondo live workshop con gli stakeholders di Benidorm

Giovedì 28 ottobre si è svolto il secondo workshop (live ed in presenza) con gli stakeholder del caso studio di Benidorm. Il workshop è stato organizzato da Maria Reyes (WUR), Rubén Villar (UA) e Antonio Rico (UA). L’evento si è svolto nei locali della stazione di pompaggio dell’Algar del “Consorcio de Aguas de la Marina Baja”, grazie alla generosa ospitalità di Jaime Berenguer (Direttore Operativo del “Consorcio de Aguas”). Nel workshop gli stakeholder hanno partecipato ad un “Serious Game” progettato da Joanne Craven: lo scopo era quello di esplorare e valutare le differenti misure implementabili per affrontare e superare futuri scenari critici di scarsità idrica e/o incremento della domanda idropotabile. Gli stakeholder hanno avuto la possibilità di discutere i benefici, gli svantaggi ed gli ostacoli a cui si andrebbe incontro con l’implementazione delle diverse misure. Il gioco si è sviluppato in gruppi, in due sessioni parallele.

Elenco dei partecipanti:

-Jaime Berenguer (Consorcio de Aguas de la Marina Baja)

-Nieves Mondéjar (Confederación Hidrográfica del Júcar)

-Juan Domingo Cortés and Raúl Guardiola (Comunidad de Regantes de Callosa d’En Sarria)

-Jordi Sanjuan (HOSBEC)

-Vicente Mayor (Ayuntamiento de Benidorm)

-Vicente Sapena (HIDRAQUA)

-Angel Uribe (Comunidad de Regantes del Canal Bajo del Algar)

-Miguel Orts (Comunidad de Regantes de Villajoyosa)

-Carlos Aliaga (EPSAR)

Il workshop è stato un successo: lo strumento innovativo utilizzato “Serious Game” ha permesso di ottenere nuove preziose informazioni sul sistema. Gli stakeholder hanno apprezzato il gioco e hanno avuto l’opportunita di confrontarsi su diversi aspetti e criticità del sistema: li ringraziamo di cuore per la partecipazione e per l’entusiasmo dimostrato!

 

Il team SIMTWIST e le parti interessate di Benidorm al workshop.

 

Il gioco SIMTWIST

 

Stakeholder che collegano misure diverse.

 

Gruppo 1 che discute sulle opzioni per superare le minacce future nella Marina Baja.

 

Gruppo 2 che discute sulle opzioni per superare le minacce future nella Marina Baja.

Online Mid-term Water JPI Evaluation meeting (19-20 April 2021)

Il 20 aprile 2021, il coordinatore del progetto SIMTWIST, Prof. Bas Amelung, ha tenuto una presentazione online al Mid-term JPI Water Evaluation Meeting. Lo scopo di tale mid-term meeting è quello di presentare i progressi compiuti dai diversi partner dei progetti finanziati ed è un’occasione per condividere idee e feedback fra i Coordinatori dei progetti e i membri del Follow-up Group. La discussione che ha seguito ogni sessione di presentazione dei progetti mira a favorire il coordinamento e la collaborazione fra i diversi progetti.

Partecipanti: coordinatori e membri dei gruppi di ricerca dei progetti Water JPI 2018, Follow-up Group Experts, Water JPI Funding Organisations.

La presentazione del progetto SIMTWIST è disponibile al link sottostante.

 

SIMTWIST Mid-term_new3

 

Partecipazione al convegno internazionale European Geosciences Union (EGU21) General Assembly 2021

I partner del progetto SIMTWIST hanno partecipato al convegno European Geosciences Union (EGU21) General Assembly 2021, tenutosi online fra il 19 e il 30 aprile, durante il quale hanno avuto modo di presentare alcuni risultati preliminari ottenuti per i due casi studio: Benidorm (Spagna) e Rimini (Italia). Il gruppo di ricerca spagnolo del progetto SIMTWIST ha presentato il proprio lavoro sui temi di interesse relativi al consumo idrico turistico. Tali temi erano stati identificati congiuntamente da ricercatori, decision-maker e stakeholder del settore turistico in relazione al caso di studio della città di Benidorm.

Il gruppo di ricerca italiano ha presentato i risultati dell’analisi sull’andamento e le caratteristiche del consumo idrico negli hotel e negli stabilimenti balneari riminesi, focalizzandosi sul ruolo e sull’influenza della categoria, della dimensione della struttura, del periodo di apertura e dei servizi idro-esigenti (ristorante, piscina, spa, giardino, etc.).

Nella città di Rimini, il numero di letture dei contatori è diminuito significativamente negli ultimi anni: purtroppo la strumentazione è del tipo convenzionale, quindi a lettura manuale e datata. Tuttavia i gestori del servizio idrico stanno testando un approccio di tipo smart-metering, installando una serie di contatori di tipo smart (ovvero a lettura automatica) per le strutture turistiche, nell’ambito del nostro progetto.

Flaminia Squitieri (studentessa di Laurea Magistrale alla WUR) ha condotto il primo workshop a Rimini (online)

Flaminia Squitieri (studentessa di Laurea Magistrale alla WUR), con la collaborazione della Dott.ssa Maria Reyes ((Wageningen University) e il gruppo di ricerca dell’Università di Bologna, Prof.ssa Elena Toth e Dott. Mattia Neri, ha condotto il primo workshop del caso studio riminese. Otto fra i nove stakeholder individuati hanno partecipato al workshop tenutosi Lunedì 12 aprile 2021. Il workshop, di durata due ore e mezza circa, è stata una proficua occasione di incontro fra tutti gli stakeholder. Durante l’incontro, tutti gli stakeholder hanno avuto l’opportunità di presentare le loro mappe concettuali, sviluppate durante le interviste condotte da Flaminia nei mesi precedenti e successivamente revisionate con gli stakeholder stessi. Dopo aver presentato il lavoro che ha portato alla costruzione di tali mappe, Flaminia ha inoltre identificato gli aspetti di maggior interesse comuni a tutti i partecipanti. Ogni stakholder ha poi evidenziato le tematiche che riteneva più importanti dal suo punto di vista, motivandone la scelta. Successivamente si è tenuta una votazione per conferire un ordine di importanza ai temi di interesse scelti, e infine, sulla base di tale classificazione, ogni stakeholder ha espresso il suo grado di soddisfazione a riguardo. Fortunatamente sei degli otto partecipanti si è ritenuto soddisfatto dell’ordine di importanza ottenuto: questo ci permetterà di focalizzarci sui temi individuati durante lo sviluppo della Modellistica Basata su Agenti (ABM) per il sistema di approvvigionamento idrico a Rimini.

Partecipazione al American Association of Geographers Annual Meeting

L’8 aprile 2021 i partner spagnoli hanno partecipato al the American Association of Geographers Annual Meeting (nella sessione denominata “Urban Climate Governance II”), presentando I risultati preliminari ottenuti dall’analisi del ciclo idrosociale a Benidorm.

 

 

 

Abbiamo presentato un nuovo approccio per l’analisi delle relazioni di potere fra stakeholder, che ci ha permesso di interpretare e di proporre soluzioni alle principali sfide e ai rischi connessi ai sistemi di distribuzione idrica in località turistiche.

 

Il MOOC Tourism and Climate Change inizia il 16 febbraio 2021

Il 16 febbraio, comincerà il corso MOOC Tourism and Climate Change condotto dalla Wageningen University & Research (WUR) e offerto dalla piattaforma EdX. La registrazione al corso è aperta e disponibile al seguente link:

https://www.edx.org/course/tourism-and-climate-change

Questo MOOC esplora l’impatto reciproco degli stakeholder del turismo e del clima. Durante il corso verrà mostrato come turismo e cambiamento climatico siano strettamente connessi. Due dei relatori sono partner del progetto SIMTWISTI: il Prof. Bas Amelung e la Dott.ssa Sandra Ricart dall’Università di Alicante. Il corso è una buona opportunità per approcciarsi ad una grande sfida: promuovere un’industria del turismo sostenibile ed a basse emissioni.

Flaminia Squitieri (studentessa di Laurea Magistrale alla WUR) conduce la prima fase di ricerca sul campo del progetto SIMTWIST per il caso studio Italiano (Rimini)

Flaminia Squitieri, studentessa di Master al Dipartimento di Environmental Systems Analysis della Università di Wageningen (WUR), ha condotto le interviste online ai sette stakeholder coinvolti nel sistema di approvvigionamento idrico di Rimini. Originariamente tali interviste avrebbero dovuto tenersi in presenza nel mese di marzo 2020. Tuttavia, l’insorgere della pandemia di COVID-19 ha reso necessario condurle online fra i mesi di aprile e ottobre 2020 con la collaborazione della Prof.ssa Elena Toth e del Dott. Mattia Neri. Ogni intervista è stata divisa in due fasi: la prima parte comprendeva la creazione di una mappa concettuale che schematizzasse il punto di vista dello stakeholder sui fattori e le dinamiche che rendono un sistema idrico “solido”; durante la seconda parte dell’intervista, invece, agli stakeholder è stato proposto un questionario riguardante il loro ruolo nella gestione del sistema idrico in relazione agli altri soggetti coinvolti e la capacità di stipulare o raggiungere accordi con gli stessi. L’analisi del modello concettuale di ogni stakeholder è parte essenziale del WP3 del progetto, focalizzato sul modello partecipativo del sistema idrico. D’altra parte, il questionario è una delle basi su cui si sviluppa il WP4 che si occupa del ciclo idro-sociale nella città di Rimini.

Intervista a Stefania Valente (Responsabile Regolamentazione Tariffaria Water Serbice), Benedetta Casadei (Ufficio Regolamentazione Tecnica e Pianificazione Servizio Idrico) e Mauro Polloni (Responsabile Servizio Idrico) di ATERSIR (Agenzia Territoriale Emilia-Romagna Servizi Idrici e Rifuti).

 

Intervista a Tonino Bernabé (Presidente) e Marco Martelli (Ingegnere) dell’Azienda Pubblica Romagna Acque- Societá delle Fonti SpA

 

Intervista a Emanuele Galloni (Water Manager Engineer), Simona Olivi (Water Manager) e Maurizia Brunetti (Responsible Aqueduct Technical Coordination) di Urban Water Utility Hera SpA.

 

Intervista a Patrizia Rinaldis (Presidente) e Alessandro La Lampa (Consiglio di Amministrazione) dell’AIA (Associazione Italiana Albergatori) di Rimini.

 

Intervista ad Anna Montini (Assessore all’Ambiente, Sviluppo Sostenibile ed Economia Blu) del Comune di Rimini.

 

Intervista a Mauro Vanini (Presidente) e Andrea Albini (Consigliere) della Cooperativa Operatori Rimini South Beach (Cooperativa Operatori di Spiagga Rimini Sud)

Dott.ssa Maria Reyes conduce il primo workshop a Benidorm (online)

 

La Dott.ssa Maria Reyes, in collaborazione con lo studente di Master Alejandro Basa, il Dott. Matthew Hare (dell’istituto James Hutton), il Dott. Antonio Rico (Università di Alicante) e il Dott. Rubén Villar (Università di Alicante), ha condotto il primo workshop del caso studio di Benidorm, in data 24 novembre 2020. Dieci stakeholder (degli undici considerati) hanno partecipato. Durante l’incontro, le parti hanno avuto l’opportunità di presentare le rispettive mappe concettuali, sviluppate e validate con gli stessi stakeholder durante le interviste della prima ricerca sul campo. La Dott.ssa Maria Reyes ha presentato il lavoro svolto per la creazione di tali mappe, con particolare attenzione alle tematiche e agli aspetti del sistema per i quali gli stakeholder hanno mostrato particolare interesse. Ciascuno di essi ha poi individuato la tematica ritenuta di maggior rilievo, giustificandone la scelta. Successivamente, le tematiche sono state messe ai voti e ordinate per importanza; infine ogni stakeholder ha espresso la sua soddisfazione o insoddisfazione rispetto a tale classificazione. Fortunatamente la maggioranza dei partecipanti (7 su 10) si è mostrata in accordo con la scala di priorità stabilità: questo ci permetterà di focalizzarci su specifici aspetti del sistema quando verrà sviluppata la Modellazione Agent-Based (ABM).