Secondo live workshop con gli stakeholder di Rimini

Il secondo workshop del processo partecipativo con gli stakeholder del caso studio di Rimini si è tenuto in presenza giovedì 27 gennaio 2022. Il workshop è stato organizzato e condotto da Flaminia Squitieri (WUR) col supporto della Prof.ssa Elena Toth (UNIBO) e dell’Ing. Mattia Neri (UNIBO). Il workshop si è svolto presso gli spazi del Laboratorio Aperto Rimini Tiberio, grazie alla gentile ospitalità di Anna Montini (Assessore alla Transizione Ecologica, Blue Economy e Statistica del comune di Rimini).

Nel corso del workshop si è svolto il gioco serio “SIMTWIST: IL GIOCO. Scenari e proposte per il futuro per garantire l’approvvigionamento idrico a Rimini”. Il gioco era stato inizialmente progettato per il caso studio di Benidorm da Joanne Craven, consulente professionale specializzata nello sviluppo di questa tipologia di strumenti e formatasi al prestigioso UNESCO-IHE Delft Institute for Water Education. Il gioco, adattato al caso studio riminese da Flaminia Squitieri, ha lo scopo di esplorare le diverse misure possibili per affrontare uno scenario futuro di scarsità idrica, in cui la solidità del sistema idrico è messa a rischio. Si ipotizza che i fattori che possano portare in crisi il sistema siano molteplici, come il cambio climatico, l’incremento della variabilità delle precipitazioni, minore disponibilità idrica e incremento della domanda idrica del settore turistico. Gli stakeholder hanno discusso al riguardo e valutato i possibili benefici, svantaggi, ostacoli e requisiti per l’implementazione di diverse misure atte a fronteggiare tale scenario.

L’obiettivo finale era quello di formulare una strategia condivisa da tutti gli stakeholder per garantire la robustezza del sistema idrico. Tutti gli stakeholder presenti hanno partecipato al gioco insieme, allo stesso tavolo. Tema centrale della discussione è stata la necessita di individuare e di sostenere con continuità progetti collaborativi fra le parti. La strategia finale proposta include una combinazione di misure:

  • Messa a punto e implementazione di progetti mirati (ad esempio, l’installazione di erogatori di acqua in strutture alberghiere e stabilimenti balneari con distribuzione borracce)
  • Definizione di una visione integrata del territorio con obiettivo comune da raggiungere tramite la co-partecipazione degli stakeholder a livello comunale e regionale
  • Adozione di buone pratiche di risparmio idrico nelle strutture turistiche
  • Implementare infrastrutture (serbatoi e cisterne di grandi dimensioni, invasi) per aumentare i volumi di acqua stoccata
  • Adozione di strumenti economici come l’incremento delle tariffe e la promozione di nuovi investimenti
  • Definizione e attuazione di una strategia di comunicazione da adottare per l’educazione del cittadino/utente

Al workshop hanno partecipato:

– Tonino Bernabè (Romagna Acque)

– Marco Martelli (Romagna Acque)

– Maurizia Brunetti (HERA)

– Emanuele Galloni (HERA)

– Antonio Bortolotti (HERA)

– Anna Montini (Comune di Rimini)

– Alessandro La Lampa (AIA)

– Mauro Vanni (Cooperativa Bagnini Rimini Sud)

– Andrea Albini (Cooperativa Bagnini Rimini Sud)

Elena Toth, Mattia Neri, e Irene Ciccone dell’Università di Bologna hanno partecipato al workshop da remoto. Giuseppe Selvaggiuolo, che lavora al Laboratorio Aperto Tiberio, ha fornito il supporto logistico e ha partecipato al workshop come spettatore. ATERSIR e il Servizio Turismo, Commercio e Sport – Regione Emilia-Romagna non hanno potuto partecipare.

Il workshop è stato un successo! Lo strumento innovativo utilizzato, il gioco serio, ha facilitato la condivisione delle conoscenze reciproche fra gli stakeholder e il processo di apprendimento sociale, favorendo la nascita di nuove idee. Si sono instaurate interessanti discussioni fra i partecipanti che hanno portato a condividere diverse esperienze, nozioni e significanti informazioni. Gli stakeholder sono rimasti soddisfatti del gioco e più in generale dell’esperienza, riconoscendo come le scelte finali, in parte inaspettate, sono state il frutto dell’effettivo lavoro di squadra e dell’attivo scambio di idee. Hanno anche evidenziato come occasioni come questa, dove si ha l’opportunità di discutere di diverse tematiche tutti assieme allo stesso tavolo, siano importantissime.

Si ringraziano tutti i partecipanti per aver dato il proprio contributo con entusiasmo!

Flaminia Squitieri del team SIMTWIST e gli stakeholder di Rimini al workshop
SIMTWIST: IL GIOCO. Scenari e proposte per il futuro per garantire l’approvigionamento idrico a Rimini
SIMTWIST: IL GIOCO. Scenari e proposte per il futuro per garantire l’approvigionamento idrico a Rimini
Gli stakeholder mentre valutano i possibili benefici, svantaggi, ostacoli e requisiti per l’implementazione delle diverse misure
Gli stakeholder mentre valutano i possibili benefici, svantaggi, ostacoli e requisiti per l’implementazione delle diverse misure
Gli stakeholder mentre discutono diverse opzioni per affrontare le future criticità che potrebbero minare alla robustezza del sistema idrico riminese

 

Leave a Reply

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *